venerdì 7 agosto 2015

"Non voglio che si senta diversa" Così il padre si fa tatuare...



Un gesto pieno di amore, quello di un padre verso la sua bambina, che con problemi di udito, ha dovuto indossare un impianto cocleare, una sorta di orecchio artificiale elettronico in grado di ripristinare la percezione uditiva nelle persone affette da sordità profonda (utilizzato nei casi in cui gli apparecchi acustici non ottengono il risultato sperato).

Per non farla sentire "diversa" con quell'apparecchio fissato alla testa, ha deciso di tatuarsi il disegno dell'immagine, riproducendo esattamente lo stesso apparecchio sulla sua testa.

Charlotte Campbell, una bambina che vive in Nuova Zelanda, aveva già indossato un primo apparecchio, all'età di quattro anni, dopo che i suoi genitori si erano accordi del fatto che era "profondamente" sorda dall'orecchio sinistro. Le venne riscontrata una capacità limitata di trasmettere i suoni al suo cervello.

Alistair Campbell, suo papà, ha deciso di rasarsi completamente tutti i capelli per riuscire a realizzare il suo primo tatuaggio.

Quando ricresceranno, sarà disposto a rasarli nuovamente per rendere visibile il tatuaggio, tutte le volte che sua figlia lo vorrà e avrà bisogno di vederlo. La piccola Charlotte, quando ha visto per la prima volta il tatuaggio dell'apparecchio che indossa, sulla testa del suo adorato papà ha sorriso e ha detto che era una cosa "cool".

La foto del papà con in braccio la sua bambina, che mostra entrambi gli apparecchi, sia quello reale che quello tatuato, è stata condivisa da migliaia di persone dalla pagina Facebook di The LAD Bible. Ha ricevuto quasi 64.000 like in un giorno ed è stata condivisa 2.700 volte.

In alcuni commenti si legge: "Massimo rispetto per il gesto di questo papà", o anche "Questo è stato un Superpapà, tantissimi complimenti".

La mamma di Charlotte comunque non era sorpresa del fatto che sua figlia dovesse aver bisogno di un supporto per poter sentire e sviluppare il suo udito, visto che anche suo figlio Lewis, di otto anni, ha avuto dei problemi simili. Spera solo che questo secondo impianto, più specifico e che garantisce un maggior supporto, possa cambiare finalmente la vita della sua bambina.

Questo post è stato pubblicato per la prima volta su The Huffington Post UK ed è stato poi tradotto dall'inglese da Alessandra Todisco.

Fonte: http://www.huffingtonpost.it/2015/08/06/papa-tatuaggio-impianto-acustico_n_7948248.html?ncid=fcbklnkithpmg00000001

Nessun commento:

Posta un commento