martedì 16 giugno 2015

Come possiamo fermare la corruzione?



Su un tema tanto delicato e imperversante come 
LA CORRUZIONE chiedo aiuto a una metafora:

Curioso sarebbe se una equipe di medici di fronte a un organismo invaso dal tumore, aprisse una discussione su “come eliminare i frequenti attacchi di febbre subìti dal paziente”. 



Non è certo eliminando gli attacchi di febbre che si può guarire il tumore, ma è piuttosto estirpando il tumore che la febbre scompare.
Solo eliminando ogni forma di Potere, si può vincere ogni Corruzione, piccola o grande. 

È tempo e dovere di tutti gli Uomini di buona volontà incominciare a formulare e a descrivere un mondo nuovo, veramente diverso. Un mondo che abbia nella sua Costituzione magari un solo articolo, neppure da scrivere, data la sua semplicità “Ogni progetto sociale va concepito e realizzato nell’interesse di tutti, e non di qualcuno, di pochi o di molti, ma di tutti”.

Un mondo oggi apparentemente impossibile, nel quale al voto di maggioranza si possa sostituire il voto di unanimità, dato che le maggioranze si comprano, mentre le unanimità si possono solo conquistare.

Quindi a un Potere disgregante , va sostituita una Potenza organizzativa capace di contribuire al benessere, non di alcuni, non di molti, ma di tutti.

Malgrado la complessa ferocia del presente stia sempre più emergendo, considero l’essere Umano il massimo capolavoro che la natura ha concepito e realizzato.

Dalla nascita fino a circa 3 anni di età, l’Essere Umano rivela sempre l’evidenza del capolavoro. Poi dai 3 anni in su e per tutta la vita sette miliardi di esseri umani vengo costretti a impiegare il loro tempo, per garantirsi cibo e abitazione. In questo speciale nuovo millennio durante il quale ben presto le macchine e le tecnologie saranno in grado di produrre quantità immense di cibo e di abitazioni, si potrà finalmente realizzare il sogno di un’umanità conciliata e rispettata nei suoi bisogni fondamentali “cibo e casa”.


Solo così la Corruzione e il Potere dilaganti, la morale e la pornografia affettiva spariranno, lasciando il posto alla creatività, all’Etica e agli ideali di amore.

Silvano Agosti

Fonte: https://www.facebook.com/agostisilvano?fref=ts

Nessun commento:

Posta un commento